Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nuova Ordinanza del Ministro della Salute 16 aprile 2021. Aggiornamento misure per l’ingresso in Italia e gli spostamenti da e per l’estero.

Data:

19/04/2021


Nuova Ordinanza del Ministro della Salute 16 aprile 2021. Aggiornamento misure per l’ingresso in Italia e gli spostamenti da e per l’estero.

Con ordinanza del Ministro della Salute del 16 aprile 2021 sono state disposte, tra l’altro, le seguenti misure:

- L’obbligo, a partire dal 19 aprile, per chi faccia ingresso nel territorio nazionale da Stati o territori rientranti negli elenchi C, D ed E dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, di sottoporsi a tampone molecolare nelle 48 ore precedenti all’ingresso;

- L’obbligo, a partire dal 18 aprile, per chi faccia ingresso in territorio nazionale dai Paesi di cui agli elenchi D ed E dell’allegato 20, di osservare un periodo di quarantena domiciliare di 10 giorni, e di sottoporsi a tampone molecolare al termine di tale periodo;

- L’obbligo, per chi faccia ingresso nel territorio nazionale dai Paesi di cui agli elenchi B, C, D ed E dell’allegato 20, di compilare un modulo di localizzazione in formato digitale, sulla base delle indicazioni di apposita circolare della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute;

- La possibilità, per chi nei 14 giorni precedenti abbia soggiornato o transitato in Brasile, di fare ingresso in Italia – sottoponendosi a quarantena domiciliare di 10 giorni e doppio tampone molecolare - anche per motivi di ricongiungimento con figli minori, coniugi o parti unite civilmente.

Ad integrazione delle precedenti disposizioni, con allegata ordinanza del Ministro della Salute, in vigore dal 7 al 30 aprile 2021, sono state disposte le seguenti misure:

- proroga, per coloro che nei quattordici giorni precedenti all’ingresso in Italia hanno soggiornato in uno o più Paesi dell’elenco C, allegato 20 del DPCM del 3 dicembre 2020, salvi i casi previsti dall’art. 51 c. 7 del DPCM del 2 marzo 2021 (ovvero per motivi che non siano di salute, urgenza o necessità), dell’obbligo di sottoporsi a un periodo di quarantena di 5 giorni a prescindere dall’esito del test nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia e di effettuare un ulteriore test al termine dei 5 giorni di quarantena;

- proroga delle restrizioni previste dall’ordinanza del Ministro della Salute del 13 febbraio 2021, regolante l’ingresso di viaggiatori provenienti dal Brasile;

- inserimento di Regno Unito e Israele tra i paesi del summenzionato elenco C ed eccezione, quanto all’Austria, per coloro che fanno ingresso in Italia dalla Regione del Tirolo, i quali dovranno sottoporsi a quarantena di 14 giorni

Si risorda che con ordinanza del Ministro della Salute, in vigore dal 31 marzo 2021 al 6 aprile, e' stato disposto,per coloro che nei quattordici giorni precedenti all'ingresso in Italia hanno soggiornato in uno o piu' Paesi dell'elenco C, allegato 20 del DPCM del 3.12.2020 – tra i quali il Belgio – salvi i casi previsti dall'art. 5.7 del DPCM del 2 marzo 2021 (ovvero per motivi che non siano di salute, urgenza o necessità), l'obbligo di:

- Sottoporsi a un periodo di quarantena di 5 giorni a prescindere dall'esito del test nelle 48 ore precedenti l'ingresso in Italia;

- Effettuare un ulteriore test al termine dei 5 giorni di quarantena.

 

 

 

 

 

 

 

 


550